Che cosa è il METODO SUMMA AUREA®?

>Per Prima cosa il METODO SUMMA AUREA® è un DONO!

E' un DONO che Roberto ha ricevuto già da 10 anni e per ciò che gli è possibile condivide con altre persone affinché ciò che lui vive quotidianamente possa essere vissuto anche da altri.

E' un mezzo per entrare in contattato con il proprio Sé Superiore, la propria parte Divina e sperimentare che cosa significa essere Consapevole di far parte del TUTTO!

Il METODO SUMMA AUREA® è inoltre un potente strumento per lavorare a livello PSICO-FISICO e SPIRITUALE.

Conoscere e utilizzate tale Metodo consente di:

• comprendere quali siano i nostri conflitti umani e/o spirituali;

• prendere coscienza di come funzioniamo a livello psico-fisico e quali dinamiche e condizionamenti sono in atto in noi;

• imparare ad affrontare e risolvere ciò di cui abbiamo preso coscienza e che intrappola la nostra vita creando malessere;

• diventare esperti nella conoscenza e nell'uso della Bioenergia;

• recuperare un equilibrio interiore foriero di ritrovato benessere Psico-Fisico e Spirituale.

PRESENTAZIONE DEL METODO SUMMA AUREA®

Archivio mensileottobre 2017

DiMETODO SUMMA AUREA®

METODO SUMMA AUREA® e Fisica Quantistica

La radiazione, è un’onda elettromagnetica, e come tale è soggetta a fenomeni come la riflessione, la rifrazione, l’interferenza, ecc.. Tuttavia la luce non si comporta sempre come un’onda: l’energia da essa trasportata non è “diffusa” in modo continuo lungo l’onda, ma viaggia nello spazio come se fosse concentrata in corpuscoli, e sotto forma di corpuscoli viene emessa ed assorbita dagli atomi. Come le particelle, la radiazione esercita una pressione sui corpi che investe, e quando un’onda elettromagnetica urta contro una particella, le cede una parte della sua energia proprio come farebbe un’altra particella. La luce ha quindi una duplice natura: è contemporaneamente sia un’onda che una particella, e si manifesta ora in un modo, ora nell’altro, a seconda delle situazioni. Questi corpuscoli prendono il nome di fotoni, sono privi di massa e di carica elettrica e si muovono con velocità pari a c.

La luce viaggia nello spazio come un’onda, ma nell’interagire con la materia si comporta come una particella. Questo significa che l’energia trasportata dalla radiazione viene scambiata tra un atomo e l’altro in “pacchetti”, i fotoni.

In un atomo, gli elettroni si muovono attorno al nucleo in una regione dello spazio che prende il nome di orbitale. L’elettrone possiede un’energia ben definita, che dipende dal tipo di orbitale lungo il quale si muove. Se un elettrone si sposta da un orbitale ad un altro, anche la sua energia varia. Questo meccanismo avviene attraverso l’assorbimento o l’emissione di un fotone. Per passare ad un orbitale di energia maggiore, l’elettrone deve ricevere energia e quindi assorbire un fotone; passando ad un orbitale di energia minore, esso ne deve liberare una certa quantità, cioè deve emettere un fotone, che a sua volta verrà “raccolto” da un altro atomo.

Le nostre cellule e il DNA usano quindi i biofotoni per immagazzinare e comunicare informazioni.

Apparentemente i biofotoni sono usati dalle cellule di numerosi esseri viventi per comunicare il che facilita il trasferimento di energia e di informazioni in maniera significativamente più veloce rispetto alla diffusione chimica.

Secondo uno studio del 2010, “la comunicazione tra cellule attraverso biofotoni è stata dimostrata nelle piante, nei batteri, nei granulociti neutrofili e nelle cellule epatiche animali.”

I ricercatori sono stati in grado di dimostrare che “… simulazioni di differenti emanazioni di luce spettrale (infrarosso, rosso, giallo, blu, verde e giallo) ad una terminazione spinale o alla radice di un nervo motore ha comportato un importante incremento nell’attività biofotonica“. I ricercatori hanno interpretato le loro scoperte suggerendo che “le stimolazioni luminose possono generare biofotoni che determinano l’attraversano nelle fibre neuronali di segnali di comunicazione neuronale.

Tecnicamente parlando un biofotone è una particella elementare o quanto di luce di origine non termica nello spettro visibile ed ultravioletto emesso da un sistema biologico. Essi sono generalmente ritenuti essere prodotti come risultato del metabolismo energetico all’interno delle nostre cellule o, più formalmente, come un “prodotto di reazioni biochimiche in cui molecole eccitate sono prodotte da processi bioenergetici che coinvolgono specie reattive all’ossigeno”.

Secondo le ricerche di Fritz Albert Popp, l’emissione di biofotoni da parte di esseri umani mostrava una caratteristica altamente inattesa, ovvero quella della coerenza (fotoni che vibrano in sintonia, in concordanza di fase e con la stessa frequenza). Tale coerenza è un fenomeno che si manifesta artificialmente nei laser ed era incredibile poterla osservare come risultato di un processo biologico. E andando avanti scoprì:

  • che le molecole all’interno delle cellule rispondono a determinate frequenze;
  • che le radiazioni biofotoniche sono collegate allo stato di malattia o di salute di un organismo;
  • che esse vengano utilizzate dalle cellule di un organismo vivente per una sorta di efficientissima comunicazione elettromagnetica inter-cellulare;
  • che vengono anche scambiate tra organismi della stessa specie (dai batteri alle pulci d’acqua);
  • che la molecola vivente che più di ogni altra è deputata alla ricezione ed alla trasmissione dei biofotoni è il DNA.

Infatti quando portiamo la nostra analisi al livello molecolare del nostro genoma,  si può identificare nel DNA una fonte di emissione di biofotoni. Studi in proposito hanno suggerito che il DNA sia così dipendente dai biofotoni da avere proprietà simili ai laser ad eccimeri, rendendolo in grado di esistere stabilmente ad un livello lontano dall’equilibrio termico.

Dagli studi di Popp e non solo, si evince che gli organismi in buona salute emettono bio-fotoni molto coerenti e gli organismi in cattiva salute emettono fotoni meno coerenti.

Quanto appena detto spiega chiaramente il funzionamento di un trattamento energetico.

L’Operatore, emette biofotoni con una determinata frequenza i quali vanno ad interagire con l’impianto intracellulare della persona bersaglio.

La zona dolente, bersaglio del trattamento, ha uno stato vibrazionale e quindi uno stato di passaggio di informazioni più lento, rispetto a quando è sano, quindi con frequenza più basse.

Le frequenze dei biofotoni emesse dall’Operatore essendo più elevate (l’Operatore è sia sano che con frequenze più elevate della normalità delle persone perché grazie ha particolari tecniche è in grado di elevare la sua frequenza vibrazionale), per il fenomeno della Risonanza porteranno le cellule della persona bersaglio ad elevare la loro vibrazione ed a modificare quindi il loro stato.

Il rilascio di fotoni da parte dell’Operatore consentirà agli elettroni il cambio degli orbitali , nelle cellule bersaglio, a livelli superiori. Questo porterà una migliore circolazione dell’energia e un conseguente ritrovato benessere.

Tale procedimento dovrebbe essere proseguito fino al ristabilimento della coerenza vibrazionale fra tutte le cellule dell’organismo bersaglio.

La durata del trattamento dipende dallo stato di incoerenza (ampiezza del blocco energetico o malessere) e frequenza dei biofotoni emessi dall’Operatore.
Tale trattamento porta alla modificazione degli stati ormonali in virtù di modificazioni degli stati cerebrali con, ad esempio, questi risultati frutto di un semplice trattamento energetico su di un soggetto.

Analisi a riposo e dopo un trattamento energetico con il Metodo Summa Aurea® dello stato del Sistema Endocrino della persona.

Ad oggi le ricerche scientifiche hanno portato alla verifica sperimentale che i Biofotoni ad alta frequenza sono emessi quando lo stato cerebrale dell’Operatore tende allo stato Delta.

Quanto più è ridotta l’interferenza mentale tanto più è elevata la frequenza dei biofotoni emessi.

Il Metodo Summa Aurea® è verificato come metodo bioenergetico con le necessarie caratteristiche per portare lo stato cerebrale della persona o dell’Operatore a lavorare in Onde Delta e quindi a emettere biofotoni ad alta vibrazione.

 

Dir. Scientifico e Didattico dell’Istituto di Bioenergia
Scuola di Formazione professionale per Operatori e Counselor Olistici
Dir. Operativo IQBIOPS – Società Internazionale di Biofisica Quantistica 
Roberto Fabbroni   



Alcuni Riferimenti:

[1] Herbert Schwabl, Herbert Klima. Spontaneous ultraweak photon emission from biological systems and the endogenous light field. Forsch Komplementarmed Klass Naturheilkd. 2005 Apr;12(2):84-9. PMID: 15947466

[2] Hugo J Niggli, Salvatore Tudisco, Giuseppe Privitera, Lee Ann Applegate, Agata Scordino, Franco Musumeci. Laser-ultraviolet-A-induced ultraweak photon emission in mammalian cells. J Biomed Opt. 2005 Mar-Apr;10(2):024006. PMID: 15910080

[3] Chao Wang, István Bókkon, Jiapei Dai, István Antal. Spontaneous and visible light-induced ultraweak photon emission from rat eyes. Brain Res. 2011 Jan 19 ;1369:1-9. Epub 2010 Oct 26. PMID: 21034725

[4] I Bókkon, R L P Vimal, C Wang, J Dai, V Salari, F Grass, I Antal. Visible light induced ocular delayed bioluminescence as a possible origin of negative afterimage. J Photochem Photobiol B. 2011 May 3 ;103(2):192-9. Epub 2011 Mar 23. PMID: 21463953

[5] M Kobayashi, M Takeda, T Sato, Y Yamazaki, K Kaneko, K Ito, H Kato, H Inaba. In vivo imaging of spontaneous ultraweak photon emission from a rat’s brain correlated with cerebral energy metabolism and oxidative stress. Neurosci Res. 1999 Jul;34(2):103-13. PMID: 10498336

[6] Y Kataoka, Y Cui, A Yamagata, M Niigaki, T Hirohata, N Oishi, Y Watanabe. Activity-dependent neural tissue oxidation emits intrinsic ultraweak photons. Biochem Biophys Res Commun. 2001 Jul 27;285(4):1007-11. PMID: 11467852

[7] B T Dotta, K S Saroka, M A Persinger. Increased photon emission from the head while imagining light in the dark is correlated with changes in electroencephalographic power: support for Bókkon’s biophoton hypothesis. Neurosci Lett. 2012 Apr 4 ;513(2):151-4. Epub 2012 Feb 17. PMID: 22343311

[8] I Bókkon, V Salari, J A Tuszynski, I Antal. Estimation of the number of biophotons involved in the visual perception of a single-object image: biophoton intensity can be considerably higher inside cells than outside. J Photochem Photobiol B. 2010 Sep 2 ;100(3):160-6. Epub 2010 Jun 10. PMID: 20584615

[9] Yan Sun, Chao Wang, Jiapei Dai. Biophotons as neural communication signals demonstrated by in situ biophoton autography. Photochem Photobiol Sci. 2010 Mar ;9(3):315-22. Epub 2010 Jan 21. PMID: 20221457

[10] F A Popp, W Nagl, K H Li, W Scholz, O Weingärtner, R Wolf. Biophoton emission. New evidence for coherence and DNA as source. Cell Biophys. 1984 Mar;6(1):33-52. PMID:6204761

[11] Masaki Kobayashi, Daisuke Kikuchi, Hitoshi Okamura. Imaging of ultraweak spontaneous photon emission from human body displaying diurnal rhythm. PLoS One. 2009;4(7):e6256. Epub 2009 Jul 16. PMID: 19606225

[12] Masaki Kobayashi, Daisuke Kikuchi, Hitoshi Okamura. Imaging of ultraweak spontaneous photon emission from human body displaying diurnal rhythm. PLoS One. 2009;4(7):e6256. Epub 2009 Jul 16. PMID: 19606225

[13] Eduard P A Van Wijk, Heike Koch, Saskia Bosman, Roeland Van Wijk. Anatomic characterization of human ultra-weak photon emission in practitioners of transcendental meditation(TM) and control subjects. J Altern Complement Med. 2006 Jan-Feb;12(1):31-8. PMID: 16494566

[14] F W G Schutgens, P Neogi, E P A van Wijk, R van Wijk, G Wikman, F A C Wiegant. The influence of adaptogens on ultraweak biophoton emission: a pilot-experiment. Phytother Res. 2009 Aug;23(8):1103-8. PMID: 19170145